Associazione Alzheimer Asti
 

Pillole di Alzheimer

Le Pillole di Alzheimer della Federazione Alzheimer Italia.

 

ALZHEIMER PILLOLA 1 – Rapporto con bambini e ragazzi

 

 

La relazione con i bambini è molto preziosa. L'affetto e la presenza dei piccoli hanno un effetto tranquillizzante sull'anziano. È importante coinvolgerli e farli sentire utili, per migliorare la vita di chi soffre.

Suggerimenti:

  • Spiegare cos'è l'Alzheimer e come si manifesta.

  • Infondere sicurezza per non temere le reazioni a volte imprevedibili del malato.

  • Fornire spiegazioni semplici e sincere e incoraggiarli a fare domande.

  • Incoraggiarli a parlare con gli amici e con gli insegnanti.

 

 

ALZHEIMER PILLOLA 2 – Perdita di oggetti e accuse

 

 

Il malato talvolta pensa di avere smarrito qualcosa, ne rimane sconvolto e accusa chi lo assiste di averlo derubato. Forse ha dimenticato dove ha messo l'oggetto o a chi l'ha dato. In ogni caso la perdita è motivo di grande angoscia.

Suggerimenti:

  • Rassicurare il malato e aiutarlo a ritrovare ciò che ha perso.

  • Non prendere le accuse come un'offesa personale.

  • Tenere traccia di dove si trovano gli oggetti e di dove vengono abitualmente nascosti.

  • Fare duplicati degli oggetti più importanti (chiavi, occhiali da vista, documenti…).

  • Ridurre il numero dei possibili nascondigli e controllare i cestini della carta straccia prima di svuotarli.

 

 

ALZHEIMER PILLOLA 3 – Vagabondaggio

 

 

Vagabondare è un comportamento comune del malato. Può girare per casa oppure cercare di uscire o camminare di notte quando gli altri dormono. Il vagabondaggio non è quasi mai senza scopo, ma facilmente il malato dimentica dove sta andando e cosa si proponeva di fare, oppure non è in grado di spiegarlo.

Suggerimenti:

  • Non lasciarsi prendere dal panico e contattare la Polizia se necessario.

  • Cercare di capire i motivi del vagabondaggio.

  • Prendere provvedimenti per la sua sicurezza, anche assicurandosi che il malato abbia sempre con sé un documento di identificazione.

  • Evitare gli atteggiamenti di sfida, la violenza, i rimproveri e cercare di distrarre il malato.

  • Mantenere stabile l'ambiente circostante e stargli vicino in un ambiente non familiare.

 

 

ALZHEIMER PILLOLA 4 – Comportamento aggressivo

 

 

Il malato si comporta spesso in modo aggressivo, sia verbalmente che fisicamente. È importante ricordare che l'aggressività è dovuta alla malattia più che all'individuo. Anche persone con un carattere molto dolce talvolta possono agire così.

Suggerimenti:

  • Mantenere un atteggiamento calmo e rassicurante.

  • Cercare di distrarre il malato.

  • Evitare gli atteggiamenti di sfida e i tentativi di coercizione fisica.

  • Badare alla propria incolumità.

  • Parlare dell'accaduto e dei propri sentimenti con una persona di fiducia.

  • Informare il medico.

  • Cercare di scoprirne la causa immediata per impedire che si ripeta

 

 

ALZHEIMER PILLOLA 5 – Comunicazione

 

 

Il malato manifesta difficoltà di comunicazione che col tempo tendono ad aggravarsi. Il termine "afasia" è usato per indicare la difficoltà o la perdita della facoltà di capire la lingua parlata e scritta, come conseguenza del deterioramento del corrispondente centro nervoso.

Suggerimenti:

  • Dedicare regolarmente del tempo per parlare col malato, sedendosi davanti a lui, mantenendo il contatto visivo ed incoraggiandolo.

  • Evitare di sottolineare i suoi errori.

  • Non comunicare messaggi tra loro contrastanti.

  • Cercare di interpretare il suo «linguaggio del corpo».

  • Dargli sicurezza e sostegno mediante il contatto fisico.

  • Lasciare foglietti promemoria (con un solo messaggio per foglietto).

  • Usare simboli, immagini e fotografie per facilitare la comprensione del messaggio scritto.

 

 

ALZHEIMER PILLOLA 6 – Attività fisiche e ricreative

 

 

Molte attività del malato sono impedite o limitate dalla perdita di memoria, dai problemi di concentrazione e dalle difficoltà fisiche. Ma che si tratti di attività ricreative o di compiti domestici di routine, avere qualcosa da fare aiuta a strutturare la giornata, favorisce la socializzazione e aiuta a misurare le proprie capacità.

Suggerimenti:

  • Coinvolgere il malato nelle attività quotidiane, anche se il suo aiuto non è realmente necessario.

  • Suggerire un'attività che si ritiene possa fargli piacere e che possa portare a termine.

  • Enfatizzare il divertimento, non il risultato.

  • Se non può continuare le attività abituali, trovargli nuovi interessi.

  • Semplificare le attività e aiutarlo senza sostituirsi a lui.

  • Fare in modo che faccia un po' di attività all'aria aperta.

  • Limitare la durata dell'attività a 15-20 minuti.

  • Interrompere l'attività ai primi segni di stanchezza o frustrazione.

  • Offrirgli a intervalli regolari un bicchiere d'acqua o un succo di frutta.

 

 

ALZHEIMER PILLOLA 7 – Sollevare e muovere il malato

 

 

La capacità di spostarsi autonomamente garantisce al malato l'opportunità di fare esercizio, rimanere in forma e mantenere un certo grado di indipendenza. Può accadere che il malato non sia interessato a muoversi e che abbia difficoltà a capire i suggerimenti. A rendere difficoltoso il movimento possono poi contribuire vari problemi fisici. Perseveranza e incoraggiamento possono convincere il malato a essere più attivo e indipendente.

Suggerimenti:

  • Incoraggiare il malato a camminare aiutandolo a sollevarsi e a spostarsi.

  • Spiegare con pazienza quello che si vuole fare e cercare di ottenere la sua collaborazione.

  • Dividere un'azione o un movimento in più fasi.

  • Accertarsi che l'ambiente circostante sia sicuro e sgombro da ostacoli.

  • Apportare all'ambiente le modifiche necessarie per agevolare gli spostamenti.

 

 

ALZHEIMER PILLOLA 8 – Memoria

 

 

La perdita progressiva della memoria è uno dei sintomi più comuni della malattia. Spesso è il primo segnale che induce a sospettare che qualcosa non va e a rivolgersi al medico. Nella malattia di Alzheimer la memoria dei fatti recenti tende a essere la più colpita, mentre la memoria a lungo termine resiste per molti anni dall'inizio della malattia.

Suggerimenti:

  • Mantenere un atteggiamento positivo e rassicurante e non considerare i comportamenti del malato come rivolti contro di sé.

  • Evitare di sottolineare gli errori e i problemi.

  • Utilizzare biglietti o promemoria.

  • Costruire un ambiente adatto, evitare possibilmente i cambiamenti e creare una routine.

 

 

ALZHEIMER PILLOLA 9 – Apatia

 

 

Il malato può rimanere seduto a lungo senza far nulla. Talvolta smette di parlare con gli altri e si chiude in se stesso, forse come conseguenza della sua incapacità di comunicare. La causa di tale comportamento è sconosciuta. Con pazienza e perseveranza è possibile incoraggiare il malato a fare qualcosa e a interessarsi di ciò che accade intorno a lui.

Suggerimenti:

  • Non costringere il malato a fare qualcosa che non vuole.

  • Incoraggiare le attività che riesce a svolgere e congratularsi dei risultati.

  • Lasciare che si fermi quando è stanco.

  • Cercare di stimolare i suoi interessi.

 

 

ALZHEIMER PILLOLA 10 – Incapacità di riconoscere persone e cose

 

 

È possibile che il malato non riesca a riconoscere le persone e gli oggetti a causa del problema della memoria, dello stato confusionale o della vista. Un'altra causa può essere la difficoltà a collegare e dare un senso a ciò che vede e ciò che ricorda: i due tipi di informazioni non coincidono più. Questo problema, definito "agnosia", può rendergli la vita difficile e aumentarne l'isolamento e la paura, in quanto i familiari vengono percepiti come estranei.

  • Suggerimenti:

  • Spiegare che cos'è un oggetto e chi è una determinata persona.

  • Dare al malato l'oggetto giusto, se lui ha preso quello sbagliato.

  • Rispettare il suo punto di vista evitando correzioni inutili.

  • Non enfatizzare l'errore.

  • Non offendersi se non si viene riconosciuti dal malato.

 

Ultime notizie

18/01/2018

L'Auto Aiuto : un momento dedicato ai familiari

L'Associazione astigiana sin dalla sua origine si è affidata a questo strumento potentissimo: l'Auto Aiuto. Gli incontri sono stati in primis un valido sostegno per il singolo FAMILIARE durante...

 

10/01/2018

AUTO AIUTO al GIOVEDì e CAFFE' del BUON UMORE al Venerdì

Eccoci  questa settimana ripartono i nostri appuntamenti consueti   DOMANI il primo incontro di AUTO AIUTO del Giovedì sera DOPO DOMANI il primo CAFFE' del BUON UMORE del Venerdì...

 

08/01/2018

"il giardino delle meraviglie"

Cari Amici    per il vostro aiuto e / o sostengo pro GIARDINO vi chiediamo di mettervi in contatto direttamente con la Presidente o la Vice dell'Associazione oppure con la Banca del Dono che...

 

 

Associazione Alzheimer Asti Onlus

Sede Legale/Operativa: Via Scotti,13 14100 Asti

E-mail: info@associazionealzheimer.com

Tel: 366.5363040 e 334.6064197

 

Realizzato gratuitamente con i servizi del CSVAA