Associazione Alzheimer Asti

Pillole di Alzheimer

Le Pillole di Alzheimer della Federazione Alzheimer Italia.

 

ALZHEIMER PILLOLA 1 – Rapporto con bambini e ragazzi

 

 

La relazione con i bambini è molto preziosa. L'affetto e la presenza dei piccoli hanno un effetto tranquillizzante sull'anziano. È importante coinvolgerli e farli sentire utili, per migliorare la vita di chi soffre.

Suggerimenti:

  • Spiegare cos'è l'Alzheimer e come si manifesta.

  • Infondere sicurezza per non temere le reazioni a volte imprevedibili del malato.

  • Fornire spiegazioni semplici e sincere e incoraggiarli a fare domande.

  • Incoraggiarli a parlare con gli amici e con gli insegnanti.

 

 

ALZHEIMER PILLOLA 2 – Perdita di oggetti e accuse

 

 

Il malato talvolta pensa di avere smarrito qualcosa, ne rimane sconvolto e accusa chi lo assiste di averlo derubato. Forse ha dimenticato dove ha messo l'oggetto o a chi l'ha dato. In ogni caso la perdita è motivo di grande angoscia.

Suggerimenti:

  • Rassicurare il malato e aiutarlo a ritrovare ciò che ha perso.

  • Non prendere le accuse come un'offesa personale.

  • Tenere traccia di dove si trovano gli oggetti e di dove vengono abitualmente nascosti.

  • Fare duplicati degli oggetti più importanti (chiavi, occhiali da vista, documenti…).

  • Ridurre il numero dei possibili nascondigli e controllare i cestini della carta straccia prima di svuotarli.

 

 

ALZHEIMER PILLOLA 3 – Vagabondaggio

 

 

Vagabondare è un comportamento comune del malato. Può girare per casa oppure cercare di uscire o camminare di notte quando gli altri dormono. Il vagabondaggio non è quasi mai senza scopo, ma facilmente il malato dimentica dove sta andando e cosa si proponeva di fare, oppure non è in grado di spiegarlo.

Suggerimenti:

  • Non lasciarsi prendere dal panico e contattare la Polizia se necessario.

  • Cercare di capire i motivi del vagabondaggio.

  • Prendere provvedimenti per la sua sicurezza, anche assicurandosi che il malato abbia sempre con sé un documento di identificazione.

  • Evitare gli atteggiamenti di sfida, la violenza, i rimproveri e cercare di distrarre il malato.

  • Mantenere stabile l'ambiente circostante e stargli vicino in un ambiente non familiare.

 

 

ALZHEIMER PILLOLA 4 – Comportamento aggressivo

 

 

Il malato si comporta spesso in modo aggressivo, sia verbalmente che fisicamente. È importante ricordare che l'aggressività è dovuta alla malattia più che all'individuo. Anche persone con un carattere molto dolce talvolta possono agire così.

Suggerimenti:

  • Mantenere un atteggiamento calmo e rassicurante.

  • Cercare di distrarre il malato.

  • Evitare gli atteggiamenti di sfida e i tentativi di coercizione fisica.

  • Badare alla propria incolumità.

  • Parlare dell'accaduto e dei propri sentimenti con una persona di fiducia.

  • Informare il medico.

  • Cercare di scoprirne la causa immediata per impedire che si ripeta

 

 

ALZHEIMER PILLOLA 5 – Comunicazione

 

 

Il malato manifesta difficoltà di comunicazione che col tempo tendono ad aggravarsi. Il termine "afasia" è usato per indicare la difficoltà o la perdita della facoltà di capire la lingua parlata e scritta, come conseguenza del deterioramento del corrispondente centro nervoso.

Suggerimenti:

  • Dedicare regolarmente del tempo per parlare col malato, sedendosi davanti a lui, mantenendo il contatto visivo ed incoraggiandolo.

  • Evitare di sottolineare i suoi errori.

  • Non comunicare messaggi tra loro contrastanti.

  • Cercare di interpretare il suo «linguaggio del corpo».

  • Dargli sicurezza e sostegno mediante il contatto fisico.

  • Lasciare foglietti promemoria (con un solo messaggio per foglietto).

  • Usare simboli, immagini e fotografie per facilitare la comprensione del messaggio scritto.

 

 

ALZHEIMER PILLOLA 6 – Attività fisiche e ricreative

 

 

Molte attività del malato sono impedite o limitate dalla perdita di memoria, dai problemi di concentrazione e dalle difficoltà fisiche. Ma che si tratti di attività ricreative o di compiti domestici di routine, avere qualcosa da fare aiuta a strutturare la giornata, favorisce la socializzazione e aiuta a misurare le proprie capacità.

Suggerimenti:

  • Coinvolgere il malato nelle attività quotidiane, anche se il suo aiuto non è realmente necessario.

  • Suggerire un'attività che si ritiene possa fargli piacere e che possa portare a termine.

  • Enfatizzare il divertimento, non il risultato.

  • Se non può continuare le attività abituali, trovargli nuovi interessi.

  • Semplificare le attività e aiutarlo senza sostituirsi a lui.

  • Fare in modo che faccia un po' di attività all'aria aperta.

  • Limitare la durata dell'attività a 15-20 minuti.

  • Interrompere l'attività ai primi segni di stanchezza o frustrazione.

  • Offrirgli a intervalli regolari un bicchiere d'acqua o un succo di frutta.

 

 

ALZHEIMER PILLOLA 7 – Sollevare e muovere il malato

 

 

La capacità di spostarsi autonomamente garantisce al malato l'opportunità di fare esercizio, rimanere in forma e mantenere un certo grado di indipendenza. Può accadere che il malato non sia interessato a muoversi e che abbia difficoltà a capire i suggerimenti. A rendere difficoltoso il movimento possono poi contribuire vari problemi fisici. Perseveranza e incoraggiamento possono convincere il malato a essere più attivo e indipendente.

Suggerimenti:

  • Incoraggiare il malato a camminare aiutandolo a sollevarsi e a spostarsi.

  • Spiegare con pazienza quello che si vuole fare e cercare di ottenere la sua collaborazione.

  • Dividere un'azione o un movimento in più fasi.

  • Accertarsi che l'ambiente circostante sia sicuro e sgombro da ostacoli.

  • Apportare all'ambiente le modifiche necessarie per agevolare gli spostamenti.

 

 

ALZHEIMER PILLOLA 8 – Memoria

 

 

La perdita progressiva della memoria è uno dei sintomi più comuni della malattia. Spesso è il primo segnale che induce a sospettare che qualcosa non va e a rivolgersi al medico. Nella malattia di Alzheimer la memoria dei fatti recenti tende a essere la più colpita, mentre la memoria a lungo termine resiste per molti anni dall'inizio della malattia.

Suggerimenti:

  • Mantenere un atteggiamento positivo e rassicurante e non considerare i comportamenti del malato come rivolti contro di sé.

  • Evitare di sottolineare gli errori e i problemi.

  • Utilizzare biglietti o promemoria.

  • Costruire un ambiente adatto, evitare possibilmente i cambiamenti e creare una routine.

 

 

ALZHEIMER PILLOLA 9 – Apatia

 

 

Il malato può rimanere seduto a lungo senza far nulla. Talvolta smette di parlare con gli altri e si chiude in se stesso, forse come conseguenza della sua incapacità di comunicare. La causa di tale comportamento è sconosciuta. Con pazienza e perseveranza è possibile incoraggiare il malato a fare qualcosa e a interessarsi di ciò che accade intorno a lui.

Suggerimenti:

  • Non costringere il malato a fare qualcosa che non vuole.

  • Incoraggiare le attività che riesce a svolgere e congratularsi dei risultati.

  • Lasciare che si fermi quando è stanco.

  • Cercare di stimolare i suoi interessi.

 

 

ALZHEIMER PILLOLA 10 – Incapacità di riconoscere persone e cose

 

 

È possibile che il malato non riesca a riconoscere le persone e gli oggetti a causa del problema della memoria, dello stato confusionale o della vista. Un'altra causa può essere la difficoltà a collegare e dare un senso a ciò che vede e ciò che ricorda: i due tipi di informazioni non coincidono più. Questo problema, definito "agnosia", può rendergli la vita difficile e aumentarne l'isolamento e la paura, in quanto i familiari vengono percepiti come estranei.

  • Suggerimenti:

  • Spiegare che cos'è un oggetto e chi è una determinata persona.

  • Dare al malato l'oggetto giusto, se lui ha preso quello sbagliato.

  • Rispettare il suo punto di vista evitando correzioni inutili.

  • Non enfatizzare l'errore.

  • Non offendersi se non si viene riconosciuti dal malato.

 

Ultime notizie

14/12/2018

Natale in Arte #NATALEINVIASCOTTI

Venerdi 14 Dicembre 2018 nella Sala a piano terra della palazzina Asl At, in Via Scotti 13, alle ore 11, presentazione della installazione natalizia (Natale in Arte...

 

21/09/2018

Amore, perdita e risate. Una visione differente.

Siamo lieti di inviatarvi alla MOSTRA FOTOGRAFICA allestita al piano 0 presso l'OSPEDALE DI ASTI dal 21 Settembre al 14 Ottobre 2018 ed organizzata in collaborazione con la FEDERAZIONE ALZHEIMER...

 

15/09/2018

Sono ripresi gli incontri di AUTO AIUTO ed il 21 Settembre riparte il CAFFE' del BUON UMORE ad ASTI

 

14/05/2018

CAFFE' DEL BUON UMORE A CANELLI

QUEST'OGGI PRIMO DEI 4 INCONTRI PRIMA DELL'ESTATE   INVITATI TUTTI A PARTECIPATE : AMATI, FAMILIARI E VOLONTARI ORARI : 15,30 - 17,30 LUOGO : BIBLIOTECA DI CANELLI DATE DI MAGGIO : 14 e 28 DATE DI...

 

09/04/2018

Oggi ORE 18presentazione a CANELLI del CAFFE' ALZHEIMER

incontro pubblico di PRESENTAZIONE del CAFFE' ALZHEIMER in collaborazione con l'ASL AT ed il patrocinio gratutito del Comune di Canelli, grazie alla sensibilità verso la...

 

 

Associazione Alzheimer Asti Onlus

Sede Legale/Operativa: Via Scotti,13 14100 Asti

E-mail: info@associazionealzheimer.com

Tel: 366.5363040 e 334.6064197

 

Realizzato gratuitamente con i servizi del CSVAA